VTB RACING - PASSION FOR COMPETITION

VTB RACING - PASSION FOR COMPETITION

Conversioni metro al secondo e kilometro ora Velocità media

Cominciamo a conoscere i rapporti esistenti fra Spazio ,Tempo e Velocità

Il calcolo della velocità si effettua dividendo la distanza percorsa ( nel nostro caso dal nostro modello ) per il tempo impiegato nel compimento dell’intero percorso (nel nostro caso sarà principalmente la lunghezza di pista = 1 Giro , o una parte limitata e definita di essa = intermedio )

Se prendiamo lo SI (Sistema internazionale di unità di misura) la velocità si esprime in “metri al secondo” (m/s o m*sec-1), ed i valori di distanza e di tempo si esprimono rispettivamente in metri (m) e in secondi (s).

Sintetizzando il tutto , possiamo ora definire la formula:

Calcolo Velocità (m/s) = Distanza in metri / Tempo in secondi

Tenendo presente che un'ora equivale a 3600 secondi (1 ora = 60 minuti = 60 minuti x 60 secondi ciascuno= 3600 sec.), muovendo il modello alla velocità costante di un metro al secondo si percorrono 3600 metri (3,6 km) in un’ora.

Adesso possiamo affermare che:

1 m/s = 3,6 Km/h 

DOMANDA 1: in un fotofinish il nostro modello taglia il traguardo con una velocità di 19,5 m/s , a quanti Km/h possiamo definire la sua velocità sul traguardo?

DOMANDA 2 : in un fotofinish il nostro modello taglia il traguardo con una velocità di 65 Km/h , a quanti m/s possiamo definire la sua velocità sul traguardo?

Abbiamo davanti a noi due semplici equazioni che risolveremo con un semplice calcolo:

per calcolare in m/s una velocità nota in Km/h dobbiamo moltiplicarla per 3,6.

viceversa,

per passare da Km/h a m/s la velocità verrà divisa per 3,6.

Risposta 1 : Dal valore conosciuto “m/s” al valore incognito km/h: moltiplichiamo la velocità in m/s 19,5 per 3,6 = Km/h 70,20

Risposta 2 : Dal valore conosciuto in km/h al valore incognito m/s: dividiamo la velocità in Km/h per 3,6 = m/s 18.05

La velocità media

La velocità media è un concetto legato strettamente alla variazione dello spazio nel tempo, che si ha ogni ogni volta che un corpo si muove e quindi varia la propria posizione in un certo intervallo di tempo.

Quando un corpo è invece in quiete, ovvero non varia la propria posizione nel tempo, allora diremo che il corpo è fermo oppure che la sua velocità è nulla rispetto ad un opportuno sistema di riferimento (solidale o assoluto).

Si definisce velocità media assunta dal corpo tra gli istanti 1 e 2 il rapporto tra la variazione dello spazio rispetto alla variazione temporale.

La formula per il calcolo della Velocità media è la seguente:

V media = Delta Spazio : Delta Tempo

Essa misura pertanto la rapidità con cui cambia lo spazio nel tempo, e sempre relativamente al SI , l'unità di misura della Velocità media è il metro secondo

La velocità media fornisce un'informazione complessiva e globale di quello che è successo lungo il tragitto, ovvero un'informazione media.

Ciò è quello che accade quando riceviamo le info dal sistema di cronometraggio pista; i dati elaborati dal programma e trasferiti ai piloti sono principalmente il tempo sul giro ( in secondi) e la relativa velocità media (in Km/h).

Se impiego 20 secondi per compiere un giro di pista che misura 150 metri, il sistema di cronometraggio ci mostrerà conseguentemente questi dati:

Lap Time 20,000 secondi    Speed ( che altro non è che la nostra velocità media )Km/h 27,00

Infatti:

Spazio m 150 : Tempo sec 20 x 3,6 = velocità media Km/h 27

Lunghezza pista = T sec 20,0 x V media Km/h 27 : 3,6 = m 150

Sono 2 semplici dati che generalmente vengono utilizzati solo per generare liste di qualifica/posizione, ma al loro interno , hanno un potenziale enorme per comprender/paragonare/valutare/modificare/ implementare il nostro sistema propulsivo ora tradotto in tutti i singoli valori dal VTB Fast Pro.

Il calcolo del distacco su i best Lap

Durante gli eventi, che siano competitivi o non, spesso ci troviamo a ragionare sulle performance dei piloti e dei loro modelli.

Mi è sempre venuto facile immaginare 2 modelli ( uno reale ed un uno virtuale) senza lo scontro diretto in pista ma basandomi sui soli tempi sul giro, proprio come la funzione Ghost nei simulatori di guida.

Il distacco in metri:

Prendendo ad esempio i 2 tempi delle prove ( il mio di 15.591 e quello dell’amico Pietro 15,248)

GM = 125 m. del circuito : tempo del giro sec. 15.591 = Velocità media Km/h 8,017 : 3,6 = m/s 2,22694

Pietro = 125 : 15,248 = media Km/h 8,197 : 3,6 = m/s 2,27694

Se applico il valore di differenza m/s di Pietro con GM  ( 2,27694 - 2,22694=  0,05),  nella formula inversa otterremo :

0,05 x 3,6 x 15,591 = distacco m. 2,75

Oppure

Posso applicare al tempo di Pietro la mia velocità media nella formula inversa:

2,22694 x 3,6 x 15,248 = metri percorsi 122,242972 - 125 ( metri pista) = distacco m. 2,7570

In questo modo possiamo comprendere quanta strada si deva percorrere ( più veloci o in meno letteralmente ) per scendere anche di un solo decimo, cosa spesso scontata ma non facile quando si è al proprio limite.

Giemme 2021